Privacy Policy Cookie Policy

Riforma della Giustizia

Centro Studi della Fondazione Magna Carta

Giorgio Spangher

Docente di Procedura penale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università La Sapienza di Roma. È Preside della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università La Sapienza di Roma. È stato Direttore del Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università di Trieste, Professore di Procedura penale e di Istituzioni di diritto e procedura penale (Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trieste e di Sassari), di Diritto penale e di Diritto penitenziario (Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trieste).

È stato Componente della Commissione ministeriale di riforma del codice di procedura penale. Nel 2001 è stato Componente del Comitato Scientifico del Consiglio Superiore della Magistratura.

Dal 2002 al 2006 è stato Consigliere laico del Consiglio Superiore della Magistratura.

Dal 2002 al 2009 è stato Coordinatore del Dottorato di ricerca in Procedura penale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università La Sapienza di Roma.

È docente presso la Scuola ufficiali dei Carabinieri di Roma, docente e membro del Consiglio direttivo del Master in Scienze della Sicurezza della Polizia di Stato, docente presso il Master di II livello in Diritto del minore presso il Centro di Ricerca della Sapienza per la tutela della persona del minore, e dal 2009 è Direttore del predetto Centro di Ricerca.

È Direttore della Rivista Diritto penale e processo (ed. IPSOA, Milano), Componente del Comitato Scientifico della Enciclopedia giuridica Treccani (ed: Treccani, Roma), del Comitato Scientifico delle seguenti Riviste: Giurisprudenzacostituzionale (ed. Giuffrè, Milano), Archivio Penale (ed. ESI, Napoli), Indice penale (ed. CEDAM, Padova), Giustizia Penale (ed. Giuffrè, Milano), del Comitato di Direzione della Rivista Studium Juris (ed. CEDAM, Padova). Membro dell’International Association of Criminal Law (AIDP) e della Associazione fra gli studiosi del processo penale.

Claudio Chiola

Emerito di Istituzioni di Diritto Pubblico all’Università di Roma La Sapienza ha trattato – con approccio costituzionalisti – soprattutto i temi dell’informazione, delle fonti, delle funzioni del Parlamento e del referendum abrogativo, sia con lavori monografici (l’informazione nella Costituzione, Le Commissioni bicamerali), sia con numerosi articoli e note, tra i quali, inoltre, va segnalata, l’attenzione critica riservata ad alcune sentenze della Corte costituzionale.

Ha pubblicato, tra gli altri, Informazione, pensiero, radiotelevisione. Problemi concreti, Jovene, 1984.

Luigi Compagna

Senatore della Repubblica e docente di Storia delle Dottrine Politiche presso la Facoltà di Scienze Politiche della LUISS Guido Carli di Roma.

Ha ricoperto più volte incarichi di segreteria, gabinetto, ufficio stampa per i Ministri dei beni culturali, della pubblica istruzione, degli affari regionali e problemi istituzionali.

È Presidente d’onore della Sezione Italiana dell’International Commission for the History of Representative and Parliamentary Institutions. Saggista e studioso di storia delle idee e delle istituzioni liberali, è condirettore della Rivista “Libro Aperto” fondata da Giovanni Malagodi.

Marcello Foschini

Docente di Diritto dei mercati finanziari della Facoltà di Giurisprudenza LUISS Guido Carli di Roma.

Autore di oltre 110 pubblicazioni in materia giuridica (Diritto commerciale, Diritto societario, Diritto dei mercati finanziari, Diritto industriale e Diritto Fallimentare) delle quali (6) costituiscono monografie e corsi di insegnamento.

Avvocato iscritto come Professore presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma. Ricopre vari incarichi in associazioni culturali e Fondazioni (tra le quali revisore dei conti della “Fondazione Valla” editrice di opere letterarie (testi greci, latini e medioevali).

Filiberto Palumbo

Avvocato cassazionista. Docente di Procedura penale nella Scuola di specializzazione per le professioni legali presso l’Università di Bari. Ha insegnato Diritto penitenziario nell’ambito della Scuola di alta formazione in Criminologia clinica e penitenziaria, Diritto penale dell’economia e Diritto penale amministrativo presso l’Università degli studi di Bari.

Due volte componente della Commissione ministeriale di riforma del Codice penale (Commissione Nordio e Pisapia). Per quattro anni presidente della Camera penale di Bari. Componente laico del Consiglio Superiore della Magistratura, eletto dal Parlamento in seduta comune in data 29 luglio 2010 – Presidente della Terza Commissione referente.

Pubblicazioni: Studi di diritto penale comunitario, Giuffrè, 1999; Note sulla tutela penale dei beni culturali, La cultura ed i suoi beni giuridici, Giuffrè, 1999; I problemi di tangentopoli, intervento al V Congresso nazionale di Diritto penale, Caserta 22 24 aprile 1999, in Notiziario penale, Padova, marzo 1999; Note agli artt. 169/174 del Codice dei beni culturali e del paesaggio, Torino 2005; intervento al Convegno organizzato dall’Associazione tra gli Studiosi del processo penale tenutosi ad Urbino il 23/24 settembre 2005, pubblicato nel volume Accertamento del fatto, alternative al processo, alternative nel processo, ed. Giuffrè, 2007; intervento al Convegno nazionale La tutela dei diritti e difesa sociale nel sistema della prevenzione patrimoniale antimafia, tenutosi a Bari il 31 maggio 2007, del quale è pubblicazione nel testo Le misure di prevenzione patrimoniali dopo il Pacchetto sicurezza, pubblicato da Nel Diritto editore; Il vizio di mente per infermità, nelle prassi difensive e nelle prospettive di riforma, pubblicato il Psichiatria, Psicologia e Diritto, anno 1 n. 2, dicembre 2009.

Luca Vittorio Raiola

Vive e lavora a Sorrento dove esercita la professione di avvocato. È dottore di ricerca in Diritto Pubblico e Costituzionale presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”.

Ha collaborato con il giornale on line l’Occidentale Campania. In particolare si è occupato del tema del federalismo e del rapporto tra politica e magistratura.

È autore dell’articolo “Il Fiscal Compact e la Costituzionalizzazione dell’economia europea”, pubblicato su Percorsi Costituzionali n.1/13.

Bartolomeo Romano

Docente di Diritto penale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Palermo e Avvocato Patrocinante in Cassazione, è stato eletto – dal Parlamento in seduta comune – Componente del Consiglio Superiore della Magistratura per il quadriennio 2010-2014, di cui è Direttore dell’Ufficio Studi e Documentazione.

Componente del Comitato Scientifico delle Riviste Archivio Penale, L’Indice Penale, e Il diritto di famiglia e delle persone, è Componente del Comitato Scientifico del Centro Studi dell’Avvocatura Civile Italiana, Membro del Consiglio Scientifico Regionale (CSR) dell’Istituto Superiore di Scienze Criminali di Siracusa (ISISC), Membro del Comitato Scientifico Consultivo dell’Osservatorio Permanente sulla Criminalità Organizzata (OPCO), Membro del Comitato Scientifico della Fondazione Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia, Membro del Comitato Scientifico dell’Osservatorio Permanente sulla Giustizia Tributaria, Direttore della Scuola di formazione Forense della Camera Penale di Palermo. È Condirettore del Codice penale ipertestuale, edito dalla UTET Giuridica, giunto nel 2012 alla quarta edizione e della collana Diritto e procedura penale, sempre per UTET Giuridica, giunto alla terza edizione.

Le pubblicazioni più rilevanti sono rappresentate da sette volumi monografici: B. Romano, Guida alla parte generale del diritto penale, Cedam, Padova, 2009, pp. 546; B. Romano, Guida alla parte speciale del diritto penale, 4 ed., Cedam, Padova, 2009, pp. 152; B. Romano, Delitti contro l’amministrazione della giustizia, 4 ed., Cedam, Padova, 2009, pp. 409; B. Romano, Delitti contro la sfera sessuale della persona, 4 ed., Cedam, Padova, 2009, 448; B. Romano, La tutela penale della sfera sessuale. Indagine alla luce delle recenti norme contro la violenza sessuale e contro la pedofilia, Milano, 2000, pp. 302; B. Romano, Il rapporto tra norme penali. Intertemporalità, spazialità, coesistenza, Milano, 1996, p. 360; B. Romano, La subornazione. Tra istigazione, corruzione e processo, Milano, 1993, p. 270.

Ciro Sbailò

Professore ordinario di Diritto pubblico comparato presso l’Università degli Studi Internazionali di Roma – UNINT, dove è anche Preside della Facoltà di Scienze della Politica e delle Dinamiche Psico-Sociali.

Di formazione filosofica, intraprende gli studi giuridici su suggerimento di Luigi Pareyson, alla fine degli Anni Ottanta, dopo avere avuto una serie di conversazioni col filosofo, poi pubblicate in forma di intervista su un settimanale cattolico. Simultaneamente inizia un’intensa attività pubblicistica, sui principali temi di attualità politica degli anni Novanta, quali le riforme istituzionali e i rapporti tra giustizia e politica. Contestualmente, approfondisce i propri studi sulla cultura giuridica e politica nella Germania tra le due guerre nonché sul costituzionalismo inglese e americano. Dopo avere collaborato alla cattedra di Diritti dell’Uomo e alla Cattedra di Storia delle Codificazioni moderne della Luiss, con Paolo Ungari, su consiglio di quest’ultimo, s’interessa alle costituzioni dei paesi islamici. Inizia, così, tra la fine degli anni Novanta e i primi del Duemila, ad approfondire lo studio della cultura islamica, evidenziandone gli aspetti più rilevanti per la dottrina giuspubblicistica, e sviluppa, nel contempo, una linea di ricerca sui fondamenti del diritto costituzionale, con particolare riferimento ai temi della sicurezza e della società multi-etnica. Partecipa attivamente alle iniziative di approfondimento scientifico e di dibattito su temi di attualità politica, quali le riforme istituzionali, i flussi miratori e l’integrazione europea. In questo periodo ha collaborato con l’Università San Pio V (poi UNINT) di Roma, l’Università di Malta e l’Università di Cordova (Spagna).

Dal 2006 al 2016 ha insegnato Diritto pubblico comparato all’Università Kore di Enna, dove ha diretto il Corso di laurea in Scienze della difesa e della sicurezza e ha fondato SKAI-Studi Kore del costituzionalismo arabo e islamico. Ha fondato la rivista “Alexis. Testi per il dialogo giuridico euro-mediterraneo”. Dal 2017 insegna Diritto pubblico comparato all’Università degli Studi internazionali di Roma – UNINT, con la quale già collabora dalla fine degli anni Novanta.

Alfredo Storto

Magistrato amministrativo. E’ stato Capo dell’Ufficio Legislativo presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

È docente a contratto di diritto processuale civile nell’Università LUISS Guido Carli di Roma e componente del Comitato scientifico delle seguenti riviste: “Rivista dell’esecuzione forzata”, “Ratio Iuris”, “Gazzetta Amministrativa” e “Amministrativamente”.

Nicolò Zanon

Giudice costituzionale. Professore ordinario di Diritto costituzionale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Milano. Membro del comitato scientifico della rivista “Giurisprudenza Costituzionale”, è nella direzione scientifica della rivista “Quaderni Costituzionali”.

Avvocato cassazionista, scrive per Il Sole24 Ore, Il Giornale, Libero. Siede nel Comitato legislativo della Regione Lombardia e fa parte del consiglio d’amministrazione della Fondazione Italiana per la Ricerca contro il Cancro (FIRC).

Già componente della Commissione di saggi sulle riforme nominata dal governo Letta nel giugno 2013, ha concluso nel settembre 2014 l’esperienza quadriennale come consigliere laico di centrodestra al Consiglio superiore della magistratura. Attualmente è giudice della Corte costituzionale.